Quel ‘No’ a Mike Bongiorno che ha dato vita a una Rivoluzione Radiofonica: Il Festival Radio Libere

“Lazzaro Coco, Il Deejay che ha scelto l’indipendenza musicale, è il direttore artistico di un festival unico nel suo genere, dedicato alla scoperta dei veri talenti e alla promozione della musica libera.”

Era l’anno 1980 quando Lazzaro Coco prese una decisione che avrebbe cambiato la sua vita. Per amore della sua passione: una radio libera fece “il signor no” a nientemeno che Mike Bongiorno, che tentava di convincerlo a unirsi alla nascente Canale 5. Oggi, Coco è il direttore artistico del Festival Radio Libere, un evento che ha come missione promuovere la nuova musica italiana nel mondo, offrendo agli artisti la possibilità di esibirsi dal vivo e di promuoversi gratuitamente in radio. Con il suo messaggio di libertà di espressione e pluralismo dell’informazione, Coco è determinato a far risuonare la musica libera nelle orecchie di tutti.

Nel corso degli anni, Coco ha mantenuto salda la sua personalità che il DJ sia colui che sceglie la musica e fidelizza il suo pubblico attraverso il proprio gusto personale, diventando così una voce di cultura musicale autentica. Ha sacrificato anche incarichi prestigiosi, come quello a Radio Subasio ad esempio, ma oggi ha la soddisfazione di essere il proprietario di Radio Festival, una vera e propria radio libera oltre a quella di condurre il programma ‘FRL’ trasmesso da più di 100 radio in Fm e sul web.

Il festival radio libere veicola un messaggio chiaro: la musica non può essere confinata in ambizioni puramente commerciali. Deve essere l’espressione di gusto, sentimento e passione. Il Festival radio libere con questo evento estivo trasforma idealmente Perugia nella capitale della musica e delle radio libere, con una serie di avvenimenti live che coinvolgeranno la città dal 10 giugno al 16 settembre. L’elenco completo degli eventi è disponibile sul sito radiofestival.it. Il 16 settembre si terrà la semifinale del festival, durante la quale verranno assegnati premi e riconoscimenti, tra cui un contratto discografico promozionale. La finale del concorso si svolgerà a dicembre, anche se la località dell’evento resta ancora un mistero in quanto l’organizzazione sta contattando varie città per l’accoglienza.

Il Festival Radio Libere non si limita a promuovere la musica, ma cerca di trasmettere messaggi di pace, riconciliazione nazionale e libertà di espressione. Coco, che vive fra mille difficoltà come i portatori di handicap, considera l’evento anche come un’opportunità straordinaria per dare visibilità e risonanza nazionale a coloro che vivono situazioni simili, con uno show ironico, satirico e divertente che lo vedrà esordire come presentatore televisivo su Canale Italia.

Il Festival Radio Libere è molto più di un semplice evento musicale. È un manifesto di libertà, un’opportunità per gli artisti di emergere e per il pubblico di scoprire nuove voci e suoni che altrimenti rischierebbero di restare nell’ombra.

Quindi, se sei un artista in cerca di opportunità, un appassionato di musica desideroso di scoprire nuovi orizzonti o semplicemente un animo libero che cerca di rompere le catene attraverso le note, unisciti al Festival Radio Libere. Visita il sito festivalradiolibere.it finché c’è una radio libera, c’è sempre speranza.

Visitaci sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE
Torna in alto